Tutela dell’affido

Dal 2005 gestiamo un gruppo di sostegno alle famiglie affidatarie, nato dall’esigenza di offrire un supporto forte, efficace e vicino alle famiglie socie disponibili ad accogliere un minore in affidamento. Il percorso ha la finalità di promuovere il benessere di tutti i protagonisti, condizione necessaria per la prosecuzione serena del percorso.

Il gruppo si riunisce mensilmente e può contare sulla supervisione di uno psicoterapeuta e di un educatore. Le famiglie che vi aderiscono possono inoltre godere del sostegno di un educatore con reperibilità 24 ore su 24 e del mutuo aiuto che viene a crearsi tra i singoli nuclei familiari.

Il nostro gruppo di sostegno ha ospitato, ospita e garantirà ospitalità alle famiglie – anche non direttamente collegate all’associazione – che abbiano bisogno di un supporto nel proprio percorso di accoglienza di un bambino in affido.

Al fine di tutelare le famiglie di volontari che decidono di intraprendere un percorso di affido, abbiamo istituito il Progetto Tutela Affidi, un protocollo d’intesa che viene firmato, all’avvio dell’affido, dai Servizi Sociali, dalla famiglia e dall’associazione Ercole Premoli. Il documento contiene accordi condivisi per l’ottenimento dei supporti necessari alla conduzione dell’affido, con tempistiche ben definite e clausole per la risoluzione di eventuali problemi (quali, ad esempio, la possibilità di reperire risorse alternative).